Logo matozzo giardino

Il Filo Rosso (Laetisaria fuciformis) è una malattia primaverile e di inizio estate. E’ causata dall’agente fungino Laetisaria fuciformis. Il periodo di maggior pressione va da Maggio a Novembre. Vediamo insieme le cause, i sintomi e i rimedi.

Specie maggiormente colpite: tutte le specie microterme, in particolare il Lolium perenne e la Festuca rubra.

Sintomi: le aree malate sono all’incirca circolari ma frequentemente la forma non è ben definita. Decolorate o chiazze marrone-chiaro, tendenti al rossastro. Una approfondita ispezione può rivelare una sottile massa di micelio di colore rosa simile ad una ragnatela.

Condizioni di sviluppo: il Filo Rosso può diventare attivo sopra un’ampia gamma di temperature. Può raggiunge il picco dell’attività con temperature comprese tra 15° e 24° C temperature miti bassa fertilità, carenze di azoto e potassio terreni compattati scarso sviluppo dell’apparato radicale utilizzo di varietà e/o cultivar sensibili alla malattia

Per prevenirne l’insorgenza, puoi seguire alcuni pratici consigli:

Dove è possibile usa adeguate concimi azotati applicare il concime corretto in base alle condizioni del tappeto erboso e all‘altezza di taglio aerare il terreno per favorire una buona crescita delle radici Filo Rosso: strategia preventiva in un’ottica integrata.

Da Aprile all’autunno: Aumenta sensibilmente l’altezza di taglio, Effettua delle operazioni di aerazione per mantenere il profilo del terreno ossigenato.

Da Aprile a fine estate: Mantieni un adeguato apporto di nutrienti, implementare una strategia di riduzione/gestione del feltro, irrigare quando necessario per prevenire gli stress idrici, usa agenti umettanti

Trasemine: optare per varietà meno suscettibili a questa malattia

Gli effetti negativi delle malattie fungine, ma anche di altre criticità che influiscono sulla salute e qualità del tappeto erboso, possono essere contenuti e/o prevenuti integrando tutti gli elementi del programma di manutenzione. Solo in questo modo puoi fare in modo di avere una gestione integrata e l'abbinamento dei trattamenti in modo complementare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *